POSTCOLONIAL ITALIAN CINEMA

Lunedì, 13 Settembre 2021

POSTCOLONIAL ITALIAN CINEMA

Conferenza internazionale

 

Sapienza Università di Roma 16-17settembre 2021

[Aula Levi-ex Vetrerie Sciarra- via dei Volsci, 122-Roma)

 University of Warwick - 1 ottobre 2021

 

La conferenza internazionale su Il cinema Italiano postcoloniale organizzata da L’Università La Sapienza di Roma (Damiano Garofalo e Luca Peretti), in programma il 16 e 17 settembre 2021, sarà l’occasione per la presentazione del volume La conquista dell’Impero e le leggi razziali tra cinema e memoria,  Annale n. 20 dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico pubblicato da Effigi Editore.

Nel corso di una tavola rotonda coordinata da Damiano Garofalo (giovedì 16 settembre alle ore 17,30) interverranno Carlo Felice Casula (Università di Roma Tre), Paola Scarnati (Aamod), Giovanni Spagnoletti (Università di Tor Vergata, Roma)curatori del volume.

Seguirà la proiezione di due preziosi cortometraggi del 1966, L’asfalto nella giungla (11’) e Noi siamo l’Africa (10’) di Ansano Giannarelli, conservati presso l’AAMOD.

 

Venerdì 17 settembre alle ore 16,00 sarà invece l’occasione per una proiezione speciale di un film inedito, su l’Algeria, Les mains libre/Tronc de figuier di Ennio Lorenzini, del 1964, conservato e messo a disposizione  con i sottotitoli in italiano, dall’AAMOD.

Presenteranno e discuteranno il film Luca Peretti (Università  di Warwick), Paola Scarnati (Aamod), Zineb Sedira (visual artist), Emiliano Morreale (Università La Sapienza, Roma)

POSTCOLONIAL ITALIAN CINEMA - IL CONVEGNO

PROGRAMMA CONVEGNO
LOCANDINA CONVEGNO
PRESENTAZIONE 

(a cura di Damiano Garofalo e Luca Peretti)

 

L’impero coloniale italiano, piccolo e relativamente di breve durata, si è storicamente sviluppato in alcune aree del Nord Africa, dell’Africa orientale, dei Balcani e del Mediterraneo. Nell’immediato dopoguerra, il colonialismo italiano viene erroneamente associato al solo periodo fascista e, col fine di creare un’Italia nuova “ripulita” dagli errori del passato, rapidamente rimosso dal dibattito pubblico. Se assistiamo, dunque, a un certo silenzio sull’esperienza coloniale italiana, le poche tracce che possiamo individuare all’interno della cultura italiana degli anni Quaranta e Cinquanta sono per lo più intrise dalla retorica degli “Italiani brava gente”. A partire dagli anni Sessanta, tuttavia, si sviluppano anche in Italia fenomeni di solidarietà internazionalista verso i movimenti per la decolonizzazione. Questi trovano nel cinema il loro esito più noto ne La battaglia di Algeri (Gillo Pontecorvo, 1966), film di produzione italo-algerina che è stato visto, discusso e utilizzato da molti popoli e gruppi terzomondisti e internazionalisti (dalle Pantere Nere ai militanti palestinesi).

Negli anni successivi, diversi altri film, sia di fiction che documentari, hanno trattato  questioni coloniali. Si pensi, a titolo di esempio, a I dannati della terra (Valentino Orsini, 1969), ispirato all’omonima opera di Frantz Fanon, oppure ad Appunti per un’orestiade africana (Pier Paolo Pasolini, 1970). Bisognerà, tuttavia, aspettare gli anni Ottanta affinché un kolossal, pressoché sconosciuto, come Il leone del deserto (Akkad, 1981), tratti per la prima volta in modo diretto il problema del colonialismo italiano. Tracce dei passati coloniali si possono trovare in molti altri film degli ultimi anni, da commedie come La vita è bella (Roberto Benigni, 1997) e Tolo Tolo (Checco Zalone, 2020), passando per film industriali  girati nelle ex colonie, fino a film più sperimentali e d’avanguardia che mettono apertamente in discussione le pratiche coloniali sotto forma di critica politica. Il convegno affronterà per la prima volta la categoria di “cinema italiano postcoloniale” da molteplici punti di vista. Se, infatti, il cinema italiano coloniale e imperiale di epoca fascista è stato variamente analizzato e discusso dalla storiografia italiana e internazionale (si pensi soprattutto agli studi di Ruth Ben Ghiat), ancora relativamente poco è stato fatto sui film italiani del dopoguerra che hanno affrontato tematiche connesse al colonialismo e al post-colonialismo (si vedano i lavori di Leonardo De Franceschi).

La conferenza è a cura di Damiano Garofalo (Sapienza, Roma) e Luca Peretti (Warwick).

Comitato organizzativo: Samuel Antichi (Sapienza, Rome), Ilaria Dellisanti (Sapienza, Rome), Mary Jane Dempsey (Warwick/Cornell), Luana Fedele (Sapienza, Rome), Alma Mileto (Sapienza, Rome), Ilaria Puliti (Warwick).

La conferenza è supportata dal Dipartimento di Storia, Antropologia, Religioni, Arte, Spettacolo di Sapienza Università di Roma; dal Department of Film and Television Studies, la School of Modern Languages and Cultures e The Institute of Advanced Study di Warwick University.

La conquista dell’Impero e le leggi razziali tra cinema e memoria

 

 
Il volume, strutturato in due parti – vuole dare un contributo significativo tanto sulla fisionomia dell’impero italiano nell’Africa Orientale quanto sugli apparati e gli stilemi del consenso. Nella prima parte sono infatti indagate le stratificazioni della memoria e degli immaginari in Italia e nel Corno d’Africa, con documenti che indagano sugli ambigui rapporti tra generi, abitazioni di coloni e sudditi, scuola e rapporti sociali filtrati e diffusi da un forte razzismo istituzionale. Nella seconda parte sono invece analizzati i film di maggior successo del pubblico di allora, insieme ai sorvegliati documentari e cinegiornali dell’Istituto Luce risalenti agli anni Trenta e Quaranta del XX secolo, e alla rinnovata attenzione dell’attuale produzione del cinema documentario e di finzione su tali temi e fenomeni.

 

Il volume, realizzato in seguito all’omonima manifestazione svoltasi nel 2018 alla Casa del Cinema di Roma, promossa in collaborazione con l'Istituto Luce Cinecittà, è ora disponibile fisicamente presso le librerie e ordinabile, in versione cartacea o e-book, sul sito dell'editore: http://www.cpadver-effigi.com/blog/la-conquista-dell-impero-e-le-leggi-razziali-tra-cinema-e-memoria/

 

Il volume è stato realizzato con il contributo della Direzione Generale Biblioteche e Diritto d’Autore – Mibact.

La conquista dell’Impero e le leggi razziali tra cinema e memoria

Codice ISBN 978-8855241144

pp. 208

Prezzo al pubblico:

€ 20,00 Versione cartacea

€ 5,00 e-book

a cura di: Carlo Felice Casula, Giovanni Spagnoletti,

Alessandro Triulzi

Coordinamento editoriale: Paola Scarnati

Produzione: C&P Adver > Mario Papalini

Grafica: Rossella Cascelli

Effigi Edizioni

Via Roma 14, Arcidosso (GR) Tel. 0564 967139

www.cpadver-effigi.com - cpadver@mac.com

Prenotazioni e acquisti su http://www.effigi.it/

INDICE

Prefazione

Il lato oscuro e miserabile dell’Italia

Vincenzo Vita

Parte Prima – il contesto storico

Razza e impero: i silenzi dell’Italia postcoloniale 

Alessandro Triulzi

Colonialismo e razzismo. Il caso Italiano 

Carlo Felice Casula

Archivi privati e memoria coloniale: il progetto Returning and Sharing Memories

Paolo Bertella Farnetti

Visti dal banco di scuola: colonie, razzismo imperiale e la mancata decolonizzazione della scuola italiana 

Gianluca Gabrielli

Mercenari, guerrieri, fedelissimi. Percezione delle truppe coloniali eritree

Alessandro Volterra

Il colonialismo italiano raccontato dalle donne 

Isabella Peretti, Nadia Pizzuti e Stefania Vulterini

Parte seconda – cinema tra colonialismo e razzismo

“Italiani brava gente”? Razzismo e colonie nella tradizione cinematografica italiana. Una breve introduzione 

Giovanni Spagnoletti

Quando il cinema si fa regime. L’Istituto LUCE e l’oltremare fascista 

Gianmarco Mancosu

Cinema coloniale italiano: l’Africa immaginata 

Maria Coletti

Abuna Messias (1939) e l’impero della Provvidenza 

Lucia Ceci

Il film Stadio (1934) e le sue conseguenze all’epoca delle Leggi razziali 

Alessio Argentieri

Lo spettacolo della razza. Il razzismo coloniale fascista: schemi narrativi e stereotipi rappresentativi 

Maurizio Zinni

Impero,“razza” e politiche della memoria nel documentario contemporaneo italiano. Una prospettiva postcoloniale 

Leonardo De Franceschi

Filmografia ragionata dei documenti audiovisivi sull’Africa (1956-1989) conservati presso l’Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico 

Letizia Cortini

Appendice

schede di alcuni film Presentati in rassegna

1) Italia vittoriosa (regia sconosciuta, 1937)

di Claudio Olivieri 

2) Sotto la croce del sud (Guido Brignone, 1938)

di Maria Coletti 

3) Il cavaliere di Kruja (Carlo Campogalliani, 1938)

di Roland Sejko 

4) Porrajmos, parole in musica (Fabio Parente, Luca Ricciardi,

Matteo Parisini, 2010) di Luca Ricciardi .

5) Oltremare (Loredana Bianconi, 2017)

di Alessandro Triulzi 

6) Pagine nascoste (Sabrina Varani, 2018)

di Luca Ricciardi 

Biografie degli autori/autrici.

ARCHIVIO AUDIOVISIVO DEL MOVIMENTO OPERAIO E DEMOCRATICO

Telefono +39  06 57305447 - e-mail   eventi@aamod.it

Sito web: https://www.aamod.it/

 

Postcolonial Italian Cinema – CONSULTA UNIVERSITARIA DEL CINEMA

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

Socialnetwork

Chi è in linea