Meazza - Intervista dell'Artedì

Giovedì, 01 Aprile 2021

Il protagonista dell'Artedì di oggi è il cantautore Meazza che oggi risponderà ad alcune domande per Viviroma.it

 

 

Chi sei?


Sono un ragazzo che sta bene con la musica e che la ama profondamente, sognando di poter trasformare questa mia passione in un mestiere e non dover pensare ad altro. 

 


Perché lo fai?


Amo suonare e comporre da sempre, quando ero bambino passavo molto tempo con uno dei miei fratelli che faceva il cantautore, lo seguivo e componevo con lui. L’arte è sempre stata grande protagonista nella mia famiglia, mio padre recitava e dipingeva, gli stimoli non mi sono mancati e la necessità di esprimermi a modo mio è nata spontanea. 

 


Qual è la tua parte peggiore? 


Mi piace questa domanda, sono un procrastinatore e spesso mi arrabbio con me stesso per questo, ma ho anche una grande sensibilità, entro in empatia con l’altro, mi piace osservare il mondo con la giusta angolazione. Ricollegandomi al mio brano ‘Le parti peggiori’, io ho un approccio alla scrittura molto istintivo ed inconscio, entro nella mia dimensione irrazionale, credo che per me abbia anche una funzione terapeutica, mi ha fatto luce sul fatto che stavo vivendo un rapporto poco sano e alla fine sono finito a parlare di questa parte oscura dell’amore che riguarda tutte quelle relazioni dove entrano giocano le insicurezze e i giochi di potere, inevitabilmente portano consciamente o inconsciamente a far del male a te e a chi ti sta vicino. 

 


Tre artisti con cui vorresti collaborare 


Sono molto affezionato a Coez perché è un artista con il quale sono cresciuto, mi piace molto la sua storia di rivalsa, si è costruito completamente da solo. Mi sento vicino anche a Fulminacci e anche al maestro grande maestro De Gregori. 

 

                           
 

Dove ti vedi tra cinque anni?


Meazza al Meazza come suona? Spero bene è sempre stato un mio grande sogno. 

 


Viviroma si occupa di cultura e spettacolo, cosa ne pensi della scena musicale indipendente italiana?


Credo ci sia un bel marasma di novità e ne penso un gran bene, penso che chiunque abbia voglia di dare spazio ai suoi pensieri meriti la mia ammirazione. Amo qualsiasi forma di espressione, mi piace vedere i giovani con la voglia di tirar fuori la voce e di non essere passivi. 

 

Viviroma ti ringrazia, di seguito, la storia e il link per l'ascolto de 'Le parti peggiori'

                      

Con questo nuovo brano il cantautore milanese - al terzo singolo dopo i precedenti “STRxxxO” e “Mari Stregati”, brano vincitore del Festival di Sannolo 2020 - inquadra il progetto in un’ atmosfera elettro-pop con un testo che tocca, questa volta, il lato oscuro delle relazioni amorose:
 
“Le Parti Peggiori parla di relazioni travolgenti.” - afferma Meazza - “di quei rapporti in cui il dolore è grande tanto quanto il sentimento. Quando dico “abbiamo dato il meglio per fare del peggio” intendo raccontare quelle storie in cui ci mettiamo d’impegno per ferire l’altro in un gioco di potere che finisce per far male anche a noi stessi. È un tema su cui vale la pena riflettere ma che, con il mio produttore abbiamo poi voluto vestire con un sound più leggero: ci piaceva l’idea di mettere in contrasto l'atmosfera elettro-pop con una tematica scomoda, volendo accogliere con il suono ma scuotere con le parole.
Nel video queste dinamiche sono rappresentate dagli oggetti e i liquidi che mi travolgono in un crescendo che simboleggia l'escalation di certe discussioni. Alla fine però, anche lo sporco più sporco, se l'amore c'è, può essere lavato via”

Il brano è abbinato ad un LOVE TEST, un questionario auto-ironico sulle relazioni a cui l'utente risponderà per approdare in modo creativo all'ascolto del singolo: https://forms.gle/XRwoP9SW2DNnFKTZ9 .

ascolto del brano: https://redblue.us4.list-manage.com/track/click?u=47b38eb077d3dbf25454f8a9c&id=33290e8fad&e=c336e08852

 

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

File disponibili

Nessun file caricato

Socialnetwork

Chi è in linea