TAVO - Intervista dell'Artedì

Giovedì, 11 Febbraio 2021

Il protagonista dell'Artedì di oggi è TAVO, cantautore alessandrino classe 1993 che figura tra gli artisti emergenti del panorama indie pop italiano.

 

Chi sei?


All’anagrafe mi chiamo Francesco Taverna. Siccome in questo progetto non esiste una reale distinzione tra persona e personaggio ho scelto TAVO, nome che mi è stato affibbiato dalla prima elementare per via del mio cognome, come nome, tra virgolette, d’arte.

 

 

Perché lo fai?

Faccio musica e sono in questo ambiente da circa 15 anni. Per risponderti sinceramente, mi ci sono trovato in questo mestiere e credo sia la cosa che so fare meglio o sicuramente quella che più mi rende felice! 

 

 

Tre artisti con cui vorresti collaborare

Motta, Tricarico e John Butler.

 

 

Dove ti vedi tra 5 anni?

Tra cinque non so, ma sarò sincero, mi sono posto un obiettivo, come se a trent’anni ci fosse un muro da valicare (ne ho 28) oltre il quale spero di vedermi semplicemente sereno facendo ciò che amo.
Non riuscirci é una delle mie più grandi paure. L’unico modo che conosco per affrontare questa paura è rimboccarmi le maniche.

 

                         

 

E non hai paura di tutto quello che ti circonda, di ciò che pensi, di ciò che senti, di ciò che perdi?

No.
Rispondere “no” è stata una fatica però! 
Ho impiegato tanto tempo per raccontare attraverso la musica ciò che provavo veramente.
Tutti in parte temiamo il giudizio. 

 

 

Ti manca il tempo di ballare?

Stiamo lavorando ad un disco da due anni ormai. La mia volontà, sarebbe quella di poterlo pubblicare nel momento in cui sarà possibile tornare a suonare dal vivo. Perciò si, mi manca da morire. Suonare è la cosa che amo veramente di questo mestiere.

 

 

Viviroma si occupa di cultura e spettacolo, cosa ne pensi della scena musicale indipendente italiana?

Penso che il settore musica sia scarsamente tutelato da ormai un decennio abbondante.
Il covid è stata semplicemente la “goccia che fa traboccare il vaso”.
Nel mio ambiente non esiste ferie, malattia, ne alcun tipo di altra garanzia o tutela.
Detto questo, più che un lavoro, con il passare del tempo, capisco che è un vero e proprio atto di fede continuare ad inseguire questo sogno.
 

 

              

 

Da venerdì 8 gennaio è in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme digitali “RIVOLUZIONE” (Noize Hills Records / Artist First), il nuovo singolo di TAVO.

Siamo soliti associare questa parola al cambiamento. Ai grandi ideali storici. TAVO nel nuovo singolo attribuisce a “Rivoluzione” il significato di imperturbabilità di rigenerazione dopo la sconfitta, dopo il dolore. La capacità di resistere. Di tornare al punto esatto di partenza come esseri immutabili. Inossidabili.

Di seguito, il link per l'ascolto di 'RIVOLUZIONE': 

https://open.spotify.com/track/4i2jSncUSVPVXXs71Yp7dj&si=433e5b2aca824a1d

Non sei iscritto, partecipa a Vivi Roma!

File disponibili

Nessun file caricato

Socialnetwork

Chi è in linea